Login Clienti

Violazione dei diritti utenti costa a Facebook 10 milioni di dollari.

Il social network aveva violato i diritti dei suoi utenti ed è stato condannato alla beneficenza dal tribunale.
L’accordo che risale a un mese fa, ma che è reso noto soltanto in queste ore, pone in primo piano ancora una volta il social network di Mark Zuckerberg.

La notizia è stata svelata solo adesso anche per non turbare la già tormentata quotazione in Borsa, dopo l’insuccesso dell’IPO al Nasdaq.

Sono questionate le “Sponsored Stories” dei brand. Poiché Cinque utenti aveva scoperto i loro Mi Piace su alcune pubblicità in cui non avevano mai cliccato i Like. Un presunto abuso del sistema, in cui gli utenti erano stati coinvolti inconsapevolmente nell’attività di advertising senza partecipare ai guadagni.

Era così emerso uno dei vari nodi irrisolti di Facebook in materia di privacy. Cosi il social network ha sapiamente preferito chiudere quanto li viene contestato, pagando niente meno che 10 milioni di dollari in beneficenza.

Il giudice distrettuale, Lucy Koh, ha stabilito che la tutela dei nomi, delle fotografie e dei gusti degli utenti prevale su qualsiasi ipotesi di commercializzazione.

Leave a Reply

  • Facebook
  • Google+
  • LinkedIn
  • FriendFeed
  • Tumblr
  • Digg
  • Flickr
  • YouTube
  • Pinterest